Quanti tipi di carrelli elevatori esistono?

Tipologie di carrelli elettrici

Quanti tipi di carrelli elevatori esistono?

Esistono due tipi di carrelli elevatori: carrelli elevatori elettrici, alimentati solo da una batteria interna e carrelli elevatori a combustione interna, che usano un motore tradizionale che può essere alimentato da vari combustibili. Nella maggior parte dei casi, un carrello elevatore elettrico sarà più caro di un modello identico a combustione interna. I costi di operatività del carrello sono cruciali nel determinare il suo costo generale.

Tali costi includono il prezzo del carburante, la manutenzione e il tempo richiesto per effettuarla, olio, batterie e filtri.

Carrelli Elevatori Elettrici

Sono ottimi per lavorare in ambienti interni e ben pavimentati (non sotto la pioggia). Sono alimentati da grandi batterie al piombo acido — le stesse della vostra automobile, ma molto più grandi e potenti. I carrelli elevatori elettrici hanno diversi vantaggi. I carrelli elevatori elettrici non producono emissioni, un fattore importante se state lavorando in ambienti interni. Tra i modelli a combustione interna, solo i carrelli a propano possono essere utilizzati all’interno, e richiedono che l’ambiente abbia una ventilazione molto buona. Modelli a gas e diesel non possono essere utilizzati in ambienti interni. Anche se i carrelli elettrici hanno un costo iniziale più alto rispetto ai modelli a combustione interna (carrelli elettrici nuovi possono costare dal 20 al 40% in più rispetto a modelli simili IC), hanno un costo di alimentazione per ora di lavoro inferiore.

I carrelli elevatori elettrici generano meno rumore rispetto ai modelli IC, un grande vantaggio negli ambienti interni. Dal momento che i carrelli elettrici hanno meno parti che si muovono e sono usati in ambienti più puliti di quelli nei quali si usano i carrelli IC, tendono ad avere una durata di vita maggiore.

I carrelli elettrici non hanno l’esigenza di dover immagazzinare il carburante. In genere le batterie offrono una potenza sufficiente per un normale turno di otto ore (cinque o sei ore di utilizzo continuativo). Ricordate che le batterie vanno ricaricate. Ricaricare una batteria richiede otto ore, più altre otto per aspettare che la batteria si raffreddi prima di essere utilizzata. Per via di questi tempi, se avete bisogno dei carrelli per due o tre turni di seguito, dovrete comprare delle batterie extra. Avrete anche bisogno di una base per ricaricare le batterie. Dovrebbe essere posta in un luogo asciutto, ventilato, a temperatura controllata.

Carrelli elevatori a combustione interna

Possono sollevare i carichi più pesanti e sono una scelta obbligata se avete bisogno di una capacità superiore a 6.800 Kg.

In genere sopportano meglio determinati tipi di abuso rispetto ai carrelli elevatori elettrici — nello specifico, usare un carrello per spingere o trascinare dei carichi, piuttosto che per sollevarli e trasportarli — e in genere hanno migliore accelerazione e velocità massime più elevate. I carrelli elevatori IC hanno un prezzo iniziale più basso, ma costi più alti per ora di lavoro rispetto ai carrelli elettrici. I carrelli con motori a combustione interna funzionano con una varietà di combustibili: benzina, diesel, gas propano liquido (LPG) o gas naturale compresso (CNG). Per un uso interno/esterno, sono disponibili sistemi duel fuel che permettono di usare alternativamente LPG e benzina. Tra i diversi tipi di carrelli IC, quelli che comportano il costo maggiore per il combustibile sono i carrelli a benzina, i carrelli diesel comportano costi inferiori e i carrelli LPG hanno un costo intermedio.

I costi del combustibile variano considerevolmente a seconda della zona, perciò dovreste informarvi sui prezzi nella vostra zona prima di decidere quale sia l’opzione migliore. Se avete dei carrelli IC, potete comprare delle attrezzature per rifornirli. Ad esempio, benzina e diesel richiedono depositi e pompe. I carrelli LPG richiedono solo lo spazio per le bombole di riserva, in genere fornite dal venditore di propano. La scelta tra gas, diesel e propano viene fatta spesso sulla base delle attrezzature necessarie.

Esistono due tipi di carrelli elevatori: carrelli elevatori elettrici, alimentati solo da una batteria interna e carrelli elevatori a combustione interna, che usano un motore tradizionale che può essere alimentato da vari combustibili. Nella maggior parte dei casi, un carrello elevatore elettrico sarà più caro di un modello identico a combustione interna. I costi di operatività del carrello sono cruciali nel determinare il suo costo generale. Tali costi includono il prezzo del carburante, la manutenzione e il tempo richiesto per effettuarla, olio, batterie e filtri. Carrelli Elevatori Elettrici Sono ottimi per lavorare in ambienti interni e ben pavimentati (non sotto…
Un articolo completo che descrive le varie tipologie di carrelli elevatori

Valutazione articolo

Completezza - 87%
Utilità - 79%
Facilità di lettura - 80%

82%

Ottimo

Un articolo completo che descrive le varie tipologie di carrelli elevatori

User Rating: Be the first one !

Condividi questo post